Portentosa Conferenza Sui Cambiamenti Climatici Mostra Risultati Prima Di Cominciare

Pubblicato: 2009/03/03 in Cambiamenti Climatici, Clima, Global Warming, Riscaldamento Globale
Tag:, , , ,

Ci devono essere degli ottimi auspici intorno alla Conferenza “Cambiamenti climatici e ambiente politico” organizzata per il 3 marzo fra le 9.30 e le 14 alla Sala Conferenze di Palazzo Marini, visto che comincia fra circa otto ore ma gia’ e’ riuscita a far capire un po’ di cose riguardo cosa ci sia dietro la gran cagnara globalizzata che va sotto il nome, appunto, di “Cambiamenti climatici” (detti anche “Riscaldamento globale”).

Guardiamo infatti cosa e’ venuto fuori dal dibattito su due dei piu’ importanti blog cambioclimatisti italiani, “Il Kyoto fisso” di Alessandro Pasini (“I cambiamenti climatici, il problema delle fonti e Forza Italia“, 25 Feb 2009) e “Climalteranti” di Stefano Caserini piu’ un Comitato Editoriale (“Per un dialogo corretto fra scienza e decisori politici: no ai convegni sul clima senza climatologi“, 26 Feb 2009):

  1. Il gruppo di Climalteranti si arroga il diritto di distribuire il patentino di “climatologo”, rifiutando di riconoscere come tale chi studia il clima ma non arriva alle loro stesse conclusioni. In questo modo per forza di cose nessuno ma proprio nessuno dei relatori di domani e’ un climatologo. QED.
  2. Idem per Pasini, che dice di non riconoscere nessun “‘esperto’ di clima che scriva effettivamente su riviste internazionali”
  3. Purtroppo per loro uno studioso di climatologia, Prof. Luigi Mariani dell’Universita’ di Milano, e’ fra i relatori, e ha al suo attivo alcune pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali di molto prestigio, piu’ incarichi di redazione e revisione di capitoli di libri scritti dalla World Meteorological Organization
  4. E’ un vero peccato quindi che ne’ Pasini, ne’ Caserini abbiano ritenuto opportuno correggere i loro testi originali, nonostante si siano fatti “beccare” a dire qualcosa di diverso dal vero. Se rifiutarsi di modificare quanto evidentemente sbagliato e’ il loro modo di contribuire a un “dialogo corretto”, stiamo freschi
  5. C’e’ ancora chi si illude che la climatologia, quando parla di scenari futuri, possa essere tenuta lontana dalla politica
  6. C’e’ anche chi costruisce le sue opinioni basandosi su siti come SourceWatch, dove alcuni come lo statunitense Roger Pielke Jr. vengono additati come “cattivoni” in base ad associazioni buttate li’ con altre persone, in un modo che ricorda le liste di proscrizione del PCUS
  7. Caserini ha detto di essere prevenuto nei confronti proprio di Roger Pielke Jr, ma ha portato come motivi/esempio proprio Sourcewatch, e un blog firmato Coby su Scienceblogs…dove pero’ quello che si dice e’ che Pielke Jr. e’ in errore nel voler estrarre CO2 dall’atmosfera. Visto che questo e’ un po’ poco per essere prevenuto, attendo da Caserini ulteriori indicazioni su cosa mai ci sia di cosi’ sbagliato in Pielke Jr
  8. Per fortuna che c’e’ Guidi, che comprende come avere un blog dedicato per meta’ a lui e’ una bella soddisfazione, anche se e’ un blog di critica..
  9. A proposito di scienza del clima, Caserini asserisce che non e’ possibile avere dubbi sulla realta’ dei cambiamenti climatici. Anche se continuo a pensare che non ci sia dietro una volonta’ di deriva totalitaria, insomma torniamo sempre ai soliti discorsi: qualcuno finisce con il voler stabilire cosa gli altri possano, e non possano pensare. Andiamoci piano…il vizietto di voler controllare chi possa dire o fare cosa e’ purtroppo ben radicato anche fra alcuni di coloro che credono ai cambiamenti climatici
  10. L’anonimo commentatore NoWayOut ha detto che la CO2 avrebbe il “maggiore contributo (forzante) singolo. Su questo parlano i dati, non i tanto bistrattati modelli”. A quali dati si riferisca l’anonimo (non ben specificate “misure indirette”), non e’ ancora dato sapere. Se qualcuno lo sapesse, me lo faccia sapere
  11. Il tecnicismo scientifico comunque non fa parte della cultura politica italiana. Se Blair o Brown tirano fuori dal cappello l’esperto di turno come Stern, e se Obama porta in auge Chu e compagnia bella, ed usano quelli come assi nel tentativo di convincere le persone della bonta’ di quelle idee, ne’ Berlusconi ne’ tanto meno Pecoraro Scanio arriveranno a niente del genere. La teoria scientifica “du jour” e’ in Italia uno strumento per i fini della politica e dei politici, e non quelli degli scienziati. Per cui quando “gli altri” hanno perso il posto nella stanza dei bottoni, “questi” hanno invitato gli esperti diametralmente opposti a quelli di Pecoraro Scanio. La perizia e l’esperienza di Ferrara o Zichichi non sono quindi politicamente importanti in Italia, quanto le loro opinioni
  12. Ci sono ovviamente degli svantaggi, e dei vantaggi a un approccio del genere…un giorno si’ e l’altro pure e’ in auge questo o quel guaritore, ma almeno non c’e’ alcun pericolo che arrivino a comandare tutti le “teste d’uovo”…ma se si vuole parlare agli italiani sara’ bene usare una modalita’ di comunicazione a loro nota invece che lamentarsi che non capiscano il tagalog o lo swahili.
  13. Vincenzo Ferrara tiene a precisare che l’articolo riportato per motivi politici sul sito:http://mauriziomorabito.wordpress.com/2007/09/22/vincenzo-ferrara-climatologo-sicuro-di-non-sbagliare-mai [quello che ho scritto io, insomma…ma che saranno mai questi “motivi politici”? non sono mica un Tribunale del Popolo, io…] fa parte di una serie di articoli di presa in giro dei meteorologi che il sottoscritto scriveva dal 1975 in poi nella rubrica satirica “In margine” della Rivista di Meteorologia Aeronautica”… usare strumentalmente tale materiale, avulso dal suo contesto originario nel quale era inserito, e per di più in senso negativo, è opera di alta scorrettezza, e rappresenta un attacco ingiustificato alla dignità della mia persona, attacco che rasenta, tra l’altro, la diffamazione della mia persona, della mia professionalità e serietà professionale…Ognuno può motivare le sue convinzioni, giuste o sbagliate che siano, come meglio ritiene di fare. Ma fondare o giustificare le proprie opinioni sulla base della denigrazione o dell’insulto diretto o indiretto (tramite insinuazioni) delle persone e della loro dignità, è, secondo me, solo un’espressione di degrado mentale e culturale oltre che di palese inciviltà
  14. La mia risposta: peccato che fra un pensiero politico e l’altro il Ferrara stesso non si sia accorto del tono decisamente canzonatorio del mio blog, con tanto di barzelletta finale. Si vede che il sarcasmo e l’ironia gli vanno bene ma solo se li usa lui? E ancora: perche’ dovrebbe essere proibito ironizzare riguardo un certo climatologo italiano che scrive (ironizza) nel 1982 che “la scienza” nel campo delle previsioni climatiche future “ha pensato a tutto e fornisce la soluzione per ogni caso” e poi si ritrova 25 anni dopo ad essere il coordinatore scientifico di una conferenza sul clima dove un Ministro parla di un’Italia che si riscalderebbe quattro volte piu’ in fretta del resto del pianeta? E no, non credo che sia stato Ferrara a suggerire quella infelice frase a Pecoraro Scanio
  15. Tanto so che mi verra’ chiesto: “canzonatorio” significa nel mio vocabolario “bonariamente scherzoso”. Appunto, con barzellettina finale…e se io avessi voluto denigrare Vincenzo Ferrara come persona, o la sua professionalita’, o la sua serieta’ professionale, perche’ mai avrei scelto una forma scherzosa/leggera, invece di tuonare o denunciare?
  16. Semmai il punto di quel blog, come anche evidentemente della prefazione nell’articolo sullo stesso tema pubblicato su Svipop e dove il pezzo di Ferrara e’ pubblicato in toto, e’ che uno deve stare molto attento a quello che scrive, perche’ per ironia della sorte certe affermazioni possono “mordere”, come si dice in inglese, anche a un quarto di secolo di distanza. Chi glielo avrebbe detto al Ferrara che nel 1982 scherzava sulle esagerazioni climatiche, che dopo 25 anni si sarebbe ritrovato ad aiutare proprio un Ministro prono all’esagerazione come Pecoraro Scanio?

Il padre della climatologia (Koeppen) era un botanico ed il padre della tettonica a zolle (Manfred Wagener) era uno dei suoi migliori allievi e dunque era pure lui un climatologo” come ricorda appunto Mariani. E c’e’ ancora chi pensa che solo i climatologi possano parlare di clima…come per esempio alla conferenza a Cattolica nel 2008 dal titolo “‘Protocollo di Kyoto – I mutamenti climatici e i loro effetti sulla costa e sul mare“, vero?

interverranno alcuni autorevoli esperti sulla materia oggetto della conferenza, quali il Dott. Giulietto Chiesa, Europarlamentare – Membro della Commissione Ambiente del PE; il Dott. Antonello Pasini, Climatologo del CNR; il  dott. Luca Lombroso, meteorologo; Ludo Holsbeek, esperto di politiche ambientali del Ministero dell’Ambiente del Belgio

commenti
  1. Clayco scrive:

    In realtà alla conferenza verrà presentato il libro di singer tradotto da Battaglia, e Singer è un climatologo e fa parte della storia della climatologia.
    Un climatolgo c’è ….ed è anche importante.
    Faccio invece una domanda retorica, (anche se non so se sai già la risposta) perchè questo congresso non è stato fatto dalla Galileo 2001 a giugno 2008 quando il Singer venne in Italia a presentare il suo libro?

  2. l'oca s. scrive:

    Obiezione su Steve Chu, vostro onore
    sul clima, fa parlare altri. His turf is energy. He was among the first to call bullshit on corn-ethanol subsidies, so i don’t thins he’d be anybody’s mouthpiece. I’m surprised he was picked: he’s witty, laid back and doesn’t suffer fools gladly, hugely intelligent so he tends to make most people feel stupid. Not good for Washington politics, good for Obama though: at least he doesn’t fear brains,
    Ma se non gli mette la museruola, Steve C. farà venire l’orticaria a tanta gente, dalla Exxon agli ambientalisti, che dovrà tornare a casa presto, e sarebbe un peccato,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...