(originale pubblicato in inglese da Nickie Goomba sul Goomba News Network)

E’ stato celebrato nei giorni scorsi il funerale di un sacerdote in pensione e attivista ambientalista di 70 anni, morto dopo aver pedalato in mezzo a una tormenta di neve per raggiungere il Vertice Mondiale sui Cambiamenti Climatici.

Il Canonico Hereward Cooke, responsabile per l’ambiente per la Diocesi di Norwich, è morto nel sonno il 15 dicembre a Copenaghen.

Circa 500 persone hanno partecipato al suo funerale nella Chiesa di San Nicola a Blakeney, dove la sua vita e il suo lavoro sono stati elogiati.

Una cerimonia separata si è tenuta presso la Chiesa di San Pietro Mancroft a Norwich per coloro impossibilitati a viaggiare fino a Blakeney a causa della neve.

Il Venerabile Jan McFarlane, Direttore delle Comunicazioni per la Diocesi di Norwich, ha detto che le due cerimonie Mercoledì 31/12 sono stati una celebrazione “della vita del Canonico Cooke”.

Il Canonico Cooke abitava a Norwich dal 1989 e divenne fin dall’inizio molto apprezzato. Più tardi fu eletto al Norwich City Council per i Liberal-democratici, e ha sempre parlato su molte questioni ambientali e sociali. In seguito divenne Canonico Onorario della Cattedrale di Norwich, Sacerdote Assistente a San Pietro Mancroft, sacerdote incaricato per la Chiesa di Santo Stefano e leader del suo partito in Consiglio Comunale.

Con la pedalata verso Copenaghen, che gli aveva permesso di raggiungere la capitale danese emettendo il meno possibile di CO2, il Canonico Cooke sperava di raccogliere migliaia di sterline per la campagna sul Riscaldamento Globale lanciata dall’organizzazione caritatevole Christian Aid.

commenti
  1. […] il Summit sui cambiamenti climatici a Copenhagen, e un sondaggio al riguardo qui sotto riprodotto, fare click qui per il Tafano Climatico… View This […]

  2. fausto scrive:

    La più bella morte del mondo: se ne è andato a 70 anni dopo una gita in bici.

    Devo dire che lo invidio molto. Vivere in salute fino alla vecchiaia e morire in un colpo solo è un grande privilegio. Tocca a pochi.

    Dopo aver letto di questa storia, credo che non smetterò più di pedalare. Spero di avere altrettanta fortuna.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...